Colorado Kid di Stephen King: primo esperimento mystery

Con questo libro Stephen King per la prima volta si affacciava in un mondo a lui non consueto. Se ha costruito la sua fama con storie horror, ad alta tensione e fantastiche, con questo libro si immerge nel mondo della letteratura razionale. Quella dei casi da risolvere e delle indagini da sviluppare. Continua a leggere “Colorado Kid di Stephen King: primo esperimento mystery”

Finale di Dark, per me è no!

Mi è rimasto l’amaro in bocca. Ho provato una cocente delusione. Non rabbia, quella l’ho provata quando ho terminato i 19 albi del nuovo corso di Dylan Dog. In questo caso ho provato solamente tanta delusione. Un finale affrettato e collegato alle altre stagioni da un sottile filo di cotone. Dark ci ha tenuti incollati allo schermo grazie ai suoi intrecci narrativi, ai suoi viaggi … Continua a leggere Finale di Dark, per me è no!

Quella statua rimanga lì per ricordare che i colpevoli siamo noi

E niente, proprio non ci riesco. Non riesco a leggere perché c’è una domanda che mi farfuglia per la testa con violenta insistenza. Io cerco di chiuderla dentro uno dei tanti scatoloni della testa, cerco di concentrarmi su qualcosa che mi possa far dimenticare questa domanda, ma proprio non ci riesco. Anche perché non so se è opportuno porla questa domanda. Continua a leggere “Quella statua rimanga lì per ricordare che i colpevoli siamo noi”

Finalmente ho dovuto usare l’agenda: abbandoniamo il digitale per il reale

La mia agenda è tornata a vivere. Dopo tre mesi e mezzo di pagine bianche, finalmente questa mattina è tornata a essere bagnata dall’inchiostro della mia penna. In realtà era dalla fine della settimana scorsa che ero accarezzato dall’idea di estrarla dalla tasca dello zaino dentro la quale è stata in questi mesi, ma per una sorta di scaramanzia ho desistito. Continua a leggere “Finalmente ho dovuto usare l’agenda: abbandoniamo il digitale per il reale”