Parma e Bologna, cosa mangiare e dove mangiare

A me piace viaggiare e piace anche mangiare, va da sé che se decido di passare alcuni giorni a Parma e Bologna l’occasione di trasforma immediatamente in una vacanza culinaria. L’Emilia-Romagna è uno dei regni italiani del buon cibo e i negozi ai bordi delle vie sono vere e proprie boutique del buon cibo. Continua a leggere “Parma e Bologna, cosa mangiare e dove mangiare”

Cinque cose che ho imparato leggendo “La partita” di Piero Trellini

Il 5 luglio del 1982, giorno di Italia-Brasile, io non ero ancora nato; sono nato quasi un anno esatto dopo. I mondiali di Spagna però sono stati un’ombra costante sulla mia infanzia e adolescenza. Noi classe 1983 che abbiamo dovuto aspettare altri 26 anni per vedere gli azzurri sul gradino più alto del podio. Vittoria, quella del 2006, arrivata come un fulmine a ciel sereno, proprio allo stesso modo di quella del 1982. Continua a leggere “Cinque cose che ho imparato leggendo “La partita” di Piero Trellini”

Il Liechtenstein esiste, ma non ci vivrei: cose che dovete sapere

Il Liechtenstein esiste, ma non ci vivrei. Lo scorso fine settimana (26 e 27 ottobre 2019), mossi da un moto interiore di puro autolesionismo, io e alcuni miei amici siamo andati a fare una gita in Liechtenstein. Si tratta di un principato dell’Europa centrale accerchiato dalle montagne che come capitale ha Vaduz. E noi logicamente abbiamo deciso di andare a visitare proprio la capitale. Continua a leggere “Il Liechtenstein esiste, ma non ci vivrei: cose che dovete sapere”

“Le colpe del nero” a scuola, abbiamo portato il CIE tra gli studenti

Quando ho cominciato a scrivere “Le colpe del nero” avevo un solo obiettivo: far conoscere al lettore il Centro di Identificazione ed Espulsione di Torino. Arrivavo da anni in cui più e più volte avevo visitato quella struttura e contribuito a denunciare quelle che giudicavo fossero le contraddizioni di quel posto. Continua a leggere ““Le colpe del nero” a scuola, abbiamo portato il CIE tra gli studenti”